Visualizza articoli per tag: web

UE "omette" i risultati sullo studio sulla pirateria

Nel 2014, la Commissione Europea ha pagato alla società di consulenza olandese Ecorys ben 360.000 euro per la ricerca degli effetti della pirateria sulle vendite di contenuti protetti da copyright. La relazione finale è stata ultimata nel maggio 2015, ma – secondo il blog dell’eurodeputata Julia Reda, del Partito Pirata tedesco – per qualche ragione non è mai stata pubblicata.

Il rapporto di 300 pagine sembra suggerire che non vi siano prove a sostegno dell’idea che la pirateria abbia un effetto negativo sulle vendite di contenuti protetti da copyright (con alcune eccezioni per i blockbuster di recente pubblicazione). Il report afferma quanto segue: “In generale, i risultati non mostrano prove statistiche attendibili della variazione delle vendite per violazione dei diritti d’autore online. Ciò non significa necessariamente che la pirateria non abbia alcun effetto, ma solo che l’analisi statistica non dimostra con sufficiente affidabilità che vi sia un effetto. Un’eccezione è la conseguenza dei film recenti di prima visione. I risultati mostrano un calo del 40%, il che significa che per ogni dieci film recenti proiettati illegalmente, quattro di questi non vengono visionati legalmente”.

Sul suo blog, Julia Reda afferma che un simile studio è fondamentale per le discussioni sulle politiche in materia di copyright, dove l’opinione generale è che la pirateria ha di solito un effetto negativo sui redditi dei titolari dei diritti, criticando anche la riluttanza da parte dell’UE a pubblicare il rapporto affermando che probabilmente non lo avrebbe rilasciato per diversi anni se non fosse stato per l’accesso ai documenti richiesti nel mese di luglio.

“Tutti i dati disponibili suggeriscono che la Commissione ha scelto attivamente di ignorare lo studio, fatta eccezione per la parte che si riferiva alla loro agenda: in un articolo accademico pubblicato nel 2016, due funzionari della Commissione europea hanno segnalato un nesso tra la perdita di vendite per i blockbuster e il download illegale di tali film. Non sono riusciti a rivelare, tuttavia, che lo studio su cui si basava la ricerca riguardava anche la musica, gli ebook e i giochi, dove non è stato trovato alcun collegamento. Al contrario, nel caso dei videogiochi, lo studio ha rilevato il collegamento opposto, indicando un’influenza positiva del download illegale di videogiochi sulle vendite legali”, afferma Reda in un’intervista rilasciata alla redazione di The Next Web.

“Ciò dimostra che lo studio non è stato completamente dimenticato dalla Commissione. Inoltre, non sono riusciti a rispettare per due volte il termine per rispondere alla mia richiesta di libertà d’ informazione. Non si può evitare il sospetto che la Commissione abbia intenzionalmente soppresso la pubblicazione di ricerche finanziate con fondi pubblici perché i fatti scoperti erano scomodi per la loro agenda politica. È difficile dire se questo studio avrebbe influenzato la prossima riforma del copyright. Non è il primo studio che mette in discussione la saggezza convenzionale secondo cui la violazione del copyright è sempre negativa per le imprese, e purtroppo le prove accademiche non sempre influiscono sulla definizione delle politiche così direttamente come si spera […] Nonostante tutte le parole pagate per una presunta “migliore regolamentazione” basata su prove concrete, il lobbismo e l’ ideologia dell’ industria sembrano ancora esercitare un’ influenza più forte sul processo legislativo della Commissione”, ha concluso.

Lo staff di The Next Web ha anche provato a contattare gli autori dello studio e il suo referente presso la Commissione UE, ma si sono rifiutati di rilasciare qualsiasi tipo di dichiarazione.

Whatsapp e la funzione stato in versione desktop

Ha alimentato non poche critiche, anche perché alla fine non sembra essere particolarmente ricco di opzioni, stiamo parlando della funzione stato di WhatsApp. A quanto pare però la cosa potrebbe estendersi anche alla versione desk della famosa app di messaggistica, ovvero WhatsApp Web. il pulsante per creare un nuovo Stato dovrebbe essere collocato vicino a quello utilizzato per avviare una nuova chat. Sul pulsante dovrebbe inoltre apparire un badge con il numero di nuovi Stati inseriti dagli utenti. Sarà quindi possibile visionare tutto quel che già è attualmente disponibile nella versione smartphone. Tale funzione dovrebbe partire al prossimo aggiornamento.

Portfolio

Questa è solo una parte dei clienti che tuttora sono soddisfatti del mio lavoro e con i quali ho instaurato un rapporto duraturo e di fiducia.
Alcuni di questi siti sono on-line da anni e ricevono moltissimi clik, ecco i loro riferimenti.


Il sito dell'Architetto Armentano è un sito molto "tecnico" dove si posso trovare le schede e le foto dei suoi lavori e concorsi più importanti.
E' visibile a questo link.


Architectural Workshop è un mio stimato cliente da anni, si tratta di uno studio di avvocati formato da due professionisti molto seri, gli Architetti Lattanzi e Fileni.
Potete vedere il sito a questo link.



Il sito del Circolo Marina di Candeli è un sito realizzato pro-bona per i miei carissimi amici tennisti e canoisti del luogo che frequento spesso anche io.
Potete visitarlo a questo link.



Florentia Souvenir è il sito di una cara amica e cliente che si occupa di produzione di gadget di vario genere per i negozi di souvenir di Firenze e di tutta la Toscana.
Il sito è visibile a questo link.



Help Srl si occupa di perizie dirette ed in remoto, utilizzando le nuove tecnologie offerte dalla rete e dalla comunicazione mobile.
Il sito, di recente realizzazione, può essere visitato a questo link.



Elisabetta Manzani si occupa da molti anni, per hobby principalmente, di decoupage.
Sul sito visitabile a questo link, potete vedere la sua arte in fotografia!



Il caro amico e cliente Massimo Podestà è un artista poliedrico, lavora su ogni genere di materiali e produce opere uniche!
Il sito e visitabile a questo link.


Il sito della agenzia Zurich di un mio caro stimato e storico cliente, un sito di servizio per l'accesso alla compilazione on-line di moduli di infortunio specifici.
Può essere visionato a questo link.

WEB DESIGN

Da anni ci occupiamo, con ottimi risultati, di grafica pubblicitaria, web design e marketing on-line.
I nostri programmatori lavorano principalmente su piattaforma open source Joomla e Wordpress. I nostri clienti parlano per noi, anni di successi e presenza su web. Il nostro portfolio parla per noi!

Il web è fallito, secondo il fondatore di Twitter

Evan Williams, fondatore di Twitter, ha dichiarato al New York Times che Internet non funziona più e che dare la parola a tutti non è stata una buona idea.
E ora come si fa? Internet sarebbe un'invenzione pensata male sin dall'inizio. L'ha detto in un'intervista al New York Times uno che non è proprio l'ultimo arrivato, Evan Williams, fondatore di Twitter. Ma come si fa a correggere un media, dopo averlo fatto diventare il più diffuso, pervasivo e influente del pianeta?